La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete

4. August 2021

La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete

La Via della Seta ha fornito una rete commerciale funzionante tra l’Europa di oggi e l’Asia orientale per diverse migliaia di anni. Il progetto della Nuova Via della Seta sta causando accesi dibattiti e soppesando le opportunità e i rischi associati al progetto „One Belt – One Road“. In conversazione con il dottor Peter Riedi, Consiglio di amministrazione di EM Global Service AG, Principato del Liechtenstein.

Il tema della globalizzazione non è stato reinventato. Globalizzazione significa espansione, compressione e accelerazione delle relazioni mondiali, come la storia della Via della Seta. Quando pensiamo alla globalizzazione, pensiamo alle merci e al commercio, ma anche le interconnessioni globali dei flussi commerciali e finanziari giocano un ruolo. Le reti per la promozione di sviluppi innovativi e tecnologici sono emerse e continuano ad emergere da queste reti commerciali, di cui la Via della Seta è un esempio favoloso. Chiediamo al Dr. Peter Riedi, che è di casa nelle reti commerciali e nel settore finanziario grazie alla sua esperienza pluriennale. Come ex direttore di diverse società svizzere, sia nel campo della revisione contabile che dei servizi fiduciari, il Dr. Peter Riedi è molto ben collegato in tutta la regione DACH. In qualità di ex socio di aziende del settore finanziario e immobiliare, segretario dell’Associazione immobiliare cantonale SVIT-Ticino Swiss Real Estate e rappresentante SVIT in seno alla FTAF, il Dr. Riedi si avvale di un’esperienza pluriennale. Oggi è membro del consiglio di amministrazione della EM Global Service AG nel cuore dell’Europa, nel Principato del Liechtenstein, e conosce bene le questioni relative ai metalli preziosi. „Sì, la vita consiste nel fare rete. Su piccola scala, pensiamo alla rete familiare che non solo fornisce funzioni protettive, ma in particolare un quadro protetto per le opportunità di sviluppo. Numerose industrie hanno preso questo sistema ben funzionante come modello, compresa l’economia globale e il settore finanziario. Per un’espansione di successo, un ulteriore sviluppo e l’apertura di nuovi mercati, cioè il processo di globalizzazione, sono necessarie condizioni quadro sicure, proprio come nella rete familiare“, spiega il dottor Riedi.

L’antica Via della Seta: storia – una rete commerciale per un ulteriore sviluppo

La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete
Dr. Peter Riedi / Membro del Consiglio di amministrazione e della direzione di EM Global Service AG

L’antica Via della Seta si riferisce a una rete di varie vie carovaniere che collegavano quella che allora era l’Asia centrale con l’Asia orientale. Ha avuto origine circa 200 anni prima della nostra era dall’interesse dell’imperatore della dinastia cinese Han di stringere alleanze con gli imperi dell’Asia centrale. Il percorso principale della via commerciale più antica del mondo partiva da Chang’an, la capitale dell’impero Han, e permetteva lo scambio di merci tra Iran, India e Cina, tra gli altri. Il Dr. Riedi dice: „Sappiamo da prove e ricerche storiche che un viaggio in carovana dalla Cina al Mediterraneo richiedeva circa tre o quattro anni per coprire una distanza di circa 10.000 chilometri. Le lunghe assenze e la paura del pericolo facevano sì che i commercianti percorressero spesso solo una parte di questa rete commerciale e scambiassero le merci con altri commercianti circa a metà strada. Le roccaforti del commercio fino alle metropoli commerciali si sviluppavano spesso in questi nodi, offrendo numerosi vantaggi ai commercianti“. Con la copertura di queste importanti aree culturali, la Via della Seta guadagnò in importanza.

Il nome Via della Seta fu dato per la prima volta alla via commerciale nel 1877 dal geografo tedesco Ferdinand von Richthofen. A quel tempo, la seta poteva essere prodotta solo dai cinesi, il che spinse l’enorme interesse dei romani per la seta a prendere questa via commerciale. Oltre alla seta, dall’Asia orientale venivano trasportate anche spezie, porcellane e pellicce. In cambio, merci commerciali come oro, pietre preziose, metalli preziosi e vetro, così come carta e polvere nera, furono trasportate da quella che oggi è l’Europa alla Cina. Oltre alle merci commerciali, il buddismo si stabilì anche in Cina e in Giappone attraverso la Via della Seta. „Il fiorire della rotta commerciale ha favorito la nascita di numerose città lungo il percorso. Sono emerse nuove reti per sostenere i commercianti nella conquista della lunga rotta, per facilitare il commercio intermedio, o in altre parole, sono nati i semi della globalizzazione“, sottolinea il dottor Peter Riedi.

C’è anche la prova che la via del commercio popolare era ferocemente contestata. Percorrere il tragitto si è rivelato spesso pericoloso. Le minacce di bande di rapinatori, le condizioni climatiche (deserto a 50 °C e montagne fino a -20 °C) o le malattie erano onnipresenti, paragonabili alle minacce moderne di crisi economiche, bolle immobiliari o la pandemia di Corona, dice il dottor Riedi. „Non era solo allora che le virtù del coraggio e del rendimento erano decisive come prerequisiti di base per il successo del commercio e l’espansione delle reti economiche. Soprattutto oggi, abbiamo bisogno di coraggio e di una volontà di agire per plasmare in modo sostenibile il mercato globale per le generazioni dopo di noi. Possiamo imparare oggi dalla via commerciale dell’antichità per evitare errori e adattare l’espansione alle esigenze future“, è convinto l’economista Dr. Peter Riedi.

Progetto ‚One Belt – One Road‘ – la nuova via della seta

Oltre alla vecchia Via della Seta, un nuovo progetto è stato lanciato dal governo cinese nel 2013, che mira a collegare meglio le infrastrutture tra Europa e Asia sia via terra che via mare. Il cosiddetto progetto „One Belt – One Road“ non ha eguali in termini di dimensioni. In Europa, Africa e Asia, più di 100 paesi sono coinvolti in questo progetto e costa alla Cina quasi 1 trilione di euro. Il dottor Riedi ha commentato: „Un progetto fantastico con un grande potenziale per l’interconnettività, la comprensione relativa e il conseguente desiderio di commercio pacifico“. Come obiettivo comune di questo progetto, i responsabili si sforzano di creare una rete commerciale economica globale, che implica aeroporti e rotte marittime oltre alle strade, questo è stato annunciato dal leader dello Stato e del Partito Xi Jinping in una conferenza stampa nel 2013. Avresti saputo che questa Via della Seta finisce a Duisburg, in Germania? „Sì, è incredibile, ma un totale di 68 paesi sono coinvolti nello sviluppo e nella costruzione del progetto della rete commerciale „One Belt, One Road“. Con la sua posizione perfetta, Duisport conta come un punto di distribuzione ottimale in Europa, in altre parole, sta diventando il „cuore commerciale“ dell’Europa“, dice felicemente il Dr. Riedi.

La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete
La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete / Pixabay

Opportunità e rischi della nuova Via della Seta

Qui si trova l’opportunità di una rivoluzione nelle infrastrutture e nella storia economica con l’obiettivo di creare congiuntamente le condizioni attraverso le frontiere. „La Repubblica Popolare Cinese si sta chiaramente concentrando sulla tradizione e sul suo ruolo storico. Economicamente, questa potrebbe essere la possibilità realistica per la stabilità della società“, dice l’esperto economista.

Anche se questo progetto sembra positivo per il momento, comporta alcuni rischi. Criticamente, controllando circa il 90% dei progetti nel corso del progetto „One Belt – One Road“, la Cina vuole rafforzare ulteriormente la sua posizione come potenza economica globale. La crisi economica globale tra gli Stati Uniti e la Cina ha ancora bisogno di essere rivalutata e discussa. La Cina si rende indispensabile concedendo prestiti ai paesi più poveri per espandere le rotte commerciali, dato che il 42% dei paesi che beneficiano della Nuova Via della Seta hanno uno stato di credito critico. Xi Jinping ha espresso che l’obiettivo è quello di rendere la Cina una superpotenza politica e tecnologica entro il 2049. Questa futura dipendenza dalla Cina è in discussione ed è accompagnata in modo critico, così come l’idea di sostenibilità fino all’economia circolare, che si può prevedere attraverso la costruzione di nuove strade, porti e centrali elettriche.

L’Europa si sta concentrando sulla minimizzazione dei rischi attraverso le analisi della concorrenza. „È importante rimanere vigili, tenere d’occhio i rischi e le opportunità, il mercato sta diventando più duro, ma anche le opportunità devono essere utilizzate correttamente. L’approccio della competitive intelligence (CI) sta guadagnando importanza come base per le strategie competitive che identificano i punti di forza e di debolezza in una fase iniziale e permettono di adattare le strategie alle condizioni del mercato“, sottolinea il dottor Riedi.

Conclusione: sviluppo delle infrastrutture – dall’antichità a oggi – collegamento e sviluppo economico dall’Africa alle Fiji e dalla Birmania alla Mongolia – Distributore Europa Duisport (Porto di Duisburg)

C’è anche la prova che la via del commercio popolare era ferocemente contestata. Percorrere il tragitto si è rivelato spesso pericoloso. Le minacce di bande di rapinatori, le condizioni climatiche (deserto a 50 °C e montagne fino a -20 °C) o le malattie erano onnipresenti, paragonabili alle minacce moderne di crisi economiche, bolle immobiliari o la pandemia di Corona, dice il dottor Riedi. „Non era solo allora che le virtù del coraggio e del rendimento erano decisive come prerequisiti di base per il successo del commercio e l’espansione delle reti economiche. Soprattutto oggi, abbiamo bisogno di coraggio e di una volontà di agire per plasmare in modo sostenibile il mercato globale per le generazioni dopo di noi. Possiamo imparare oggi dalla via commerciale dell’antichità per evitare errori e adattare l’espansione alle esigenze future“, è convinto l’economista Dr. Peter Riedi.

La Via della Seta come pioniere della globalizzazione e della rete
Philipp Bossert / Studente e blogger

V.i.S.d.P.:

Philipp Jonathan Bossert
Studente e blogger

A proposito dell’autore:

La digitalizzazione – uno dei temi più importanti e prominenti del 21° secolo, ma ancora sfuggente per molti. Philipp Jonathan Bossert, studente a Berlino e blogger. Sta studiando ingegneria industriale e si occupa della trasformazione attraverso la digitalizzazione e lo sviluppo associato da una prospettiva ingegneristica. Oltre ai suoi studi, si interessa anche alla produzione musicale. Attivo come produttore musicale da anni, Philipp Jonathan Bossert osserva la progressione della trasformazione come un continuo sviluppo digitale e automatizzato.

Contatto:

EM Global Service AG
Landstrasse 114
FL- 9495 Triesen
Principato del Liechtenstein
Telefono +423 230 31 21
Fax +423 230 31 22

Persona di contatto:

Dr. Peter Riedi
info@em-global-service.li
www.em-global-service.li

Descrizione dell’azienda:

Situata nel cuore dell’Europa, EM Global Service AG progetta e gestisce concetti di materie prime e metalli preziosi. La gamma di servizi offerti da EM Global Service AG comprende l’acquisizione, la custodia e la sicurezza dei metalli preziosi fisici per i proprietari, gli acquirenti. L’azienda e il suo team si basano sulla stabilità economica e la assicurano con affidabilità e discrezione nella custodia dei beni nel cuore dell’Europa. Per ulteriori informazioni, visitare www.em-global-service.li

Print Friendly, PDF & Email
close

Verpasse keine Beiträge!

Wir senden keinen Spam! Erfahre mehr in unserer Datenschutzerklärung.

Weitere Beiträge

Vernetzung und Targeting: Antriebe der Zukunft
News

Vernetzung und Targeting: Antriebe der Zukunft

Digitalisierung ermöglicht einen nachhaltigen Mobilitätswandel. Voraussetzung ist eine sinnvolle Vernetzung für eine nahtlose intermodale Zielgruppendefinition – unterschiedlichste Informationen digitalisiert und verarbeitet – im Gespräch mit

Print Friendly, PDF & Email
Weiterlesen
EnglishFrenchGermanItalian